Tab social
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
Icon_flickr
icon_mail
 

Storia

BCC Staranzano e Villesse - Linea del tempo

1896
Per opera di una trentina di persone di buona volontà, nasce la "Cassa Rurale di Prestito e Risparmio di Staranzano"

1904
Nasce la "Cassa Rurale di Prestito e Risparmio di Villesse"

1925
Si tenta di ricominciare l'attività della Cassa, dopo la lunga parentesi della Grande Guerra e le relative devastazioni subite dai nostri territori.

1925 - 1956
Periodo storico molto travagliato, in cui, nella prima parte il Fascismo osteggia apertamente ogni esperienza di autogestione. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Cassa Rurale ed Artigiana di Staranzano, nonostante alcuni generosi tentativi per restituirle una certa operatività, è ridotta ad entità puramente nominale, tanto che la Banca d'Italia è sul punto di liquidarla.

1956
Un gruppo di vecchi soci e amministratori e di giovani soci animati dal desiderio di proseguire la preziosa opera, decide di tentare di far rinascere l'istituzione.

1958
Inaugurazione della prima sede aperta al pubblico, in via Martiri della Libertà n.1 a Staranzano.

1961
La sede viene trasferita in via Martiri della Libertà n.2 c (di fronte alla precedente).

1964
Viene deliberato l'acquisto di un'azione (valore Lit.100.000) dell'Istituto Centrale delle Casse Rurali ed Artigiane.

1965
Viene accolta dall'assemblea la proposta per la costituzione di un "Fondo di solidarietà regionale" tra le Casse Rurali, che viene alimentato con il 10% degli utili di esercizio.

1966
Viene inoltrata una prima domanda alla Banca d'Italia per l'autorizzazione ad operare nei comuni di Monfalcone, Ronchi dei Legionari e San Canzian dIsonzo.

1968
La sede viene trasferita nei locali siti in via Trieste n.1

1969
Viene deliberata l'adesione alla Federazione regionale delle Casse Rurali, con sede a Udine.

1974
Si ìnaugura l'attuale sede di piazza della Repubblica, primo immobile di proprietà.

1982
Costituzione del "Circolo Ricreativo" con sede in via Martiri della Libertà n.42, a Staranzano.

1984
Apertura della prima filiale, a Ronchi dei Legionari.

1986
Si festeggia, con varie manifestazioni, il novantesimo compleanno della Cassa.

1988
A Monfalcone, nell'edificio ristrutturato dell'ex Albergo Detroit, si inaugura un'altra filiale.

1991
La Cassa Rurale di Staranzano è presente anche a San Canzian d'Isonzo con una sua filiale.

1993
Vengono inaugurate le filiali di Grado e di San Pier d'Isonzo.

1994
Viene promossa la nascita di una Mutua per i soci e i clienti della Banca, che prende la denominazione di "Mutua di Assistenza del Credito Cooperativo".

1995
L'assemblea straordinaria dei soci del 6 Maggio approva il nuovo statuto sociale. Il nome della cooperativa diventa: "Banca di Credito Cooperativo di Staranzano". Viene ufficialmente inaugurata la nuova filiale di Fossalon di Grado.

1996
Tra agosto ed ottobre si svolgono numerose manifestazioni per festeggiare degnamente il secolo di vita: spettacoli teatrali, concerti, cerimonie e donazioni benefiche, oltre alla presenza di personaggi di rilevanza nazionale scandiscono i ritmi della "grande festa" che si conclude con un importante convegno sulla nuova figura del socio B.C.C.
Viene inoltre avviata l'operatività di uno sportello nel rione di Panzano del comune di Monfalcone.

1997
A fine agosto viene festeggiata l'inaugurazione ufficiale della sede definitiva dell'agenzia di Monfalcone-Panzano, situata in via della Marcelliana n.2.

2000
A fine aprile la Banca si affaccia su Internet.

2001
Nasce la terza filiale di Monfalcone, nel rione di San Polo.

2002
La BCC continua a crescere. Si apre la prima filiale in provincia di Trieste, a Duino Aurisina.

2004
100° anniversario della Cassa Rurale di Villesse.

2009
Fusione tra la BCC di Staranzano e la BCC di Villesse. Nasce la Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse. 

Qui di seguito vengono riportati i nominativi dei presidenti che si sono susseguti nella guida della banca:

  • Dal 1896: Nicolò Zanolla
  • Dal 1925: Antonio Devidè
  • Dal 1934: Giovanni Boscarol
  • Dal 1936: Ettore Facchini
  • Dal 1937: Guido Olivo
  • Nel dopoguerra: Antonio Agostini
  • Dal 1957: Antonio Malaroda
  • Dal 1976: Germano Pasian
  • Dal 1986: Agostino Pacorig
  • Dal 1993: Corrado Bartoli
  • Dal 2002: Carlo Feruglio