Tab social
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
Icon_flickr
icon_mail
 
Intestazione

News

 
27/07/2010 Banca e Territorio
Romans, un libro rievoca i tempi della capitale regionale del ballo
ROMANS. Grande partecipazione per la presentazione del libro “Ballare a Romans-Quando si ballava sulle piazze, nelle osterie e nelle favolose sale da ballo del paese”, scritto e curato da Edo Calligaris in collaborazione con il Circolo Acli “Mario Fain”, il gruppo di ricerca “I Scussons”, con il patrocinio di Comune, Provincia, della Fondazione Cassa di risparmio e il contributo economico della Bcc di Staranzano e Villesse. Alla presentazione sono intervenuti l’autore del libro, il professor Ferruccio Tassin, il consigliere regionale Giorgio Brandolin, il sindaco Alessandro Zanella, l’assessore alla cultura Michele Calligaris, la presidente del Circolo Acli “M. Fain” Claudia Panteni, il presidente del gruppo “I Scussons” Germano Pupin. Pupin e Panteni hanno ringraziato Edo Calligaris per il nuovo lavoro. L’assessore Michele Calligaris ha messo in risalto l’opera svolta dall’autore, grande narratore della storia del paese. Il suo libro permette di non perdere una parte importante del passato di Romans. Brandolin ha evidenziato che si tratti di un’iniziativa importante che recupera una storia partecipata della vita della comunità e ci aiuta a riscoprire quei valori e identità dello stare insieme che anche i nostri giovani devono perseguire. Tassin ha illustrato i contenuti del libro ripercorrendo la storia delle sale da ballo e dei numerosi personaggi famosi e non che hanno vissuto quella splendida stagione. L’autore ha sottolineato che erano già diversi anni che pensava di recuperare la storia delle sale da ballo di Romans per la rilevanza sociale che il ballo ha avuto nel secolo scorso e il sentimento di forte nostalgia da parte delle persone che hanno vissuto quello straordinario periodo. Una parte di storia sociale che ha inorgoglito Romans, che era definita a quei tempi la capitale regionale del ballo. Nel volume c’è molta della storia del ballo e delle sale, ma non tutta perché le vicende sono ricche e hanno interessato tutti i settori della vita pubblica, compresi quelli economici e produttivi. Sono stati così recuperati documenti, testimonianze, notizie, fotografie.