Tab social
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
Icon_flickr
icon_mail
 
Intestazione

News

 
12/05/2017
Contributi in conto capitale a favore delle imprese turistiche
Termine presentazione domande 16 giugno 2017
Grazie a questo bando, sono beneficiari dei contributi i titolari di strutture ricettive turistiche, purchè:
  • esercitino l’attività come impresa turistica;
  • siano PMI iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA competente per territorio;
  • non siano in stato di scioglimento o liquidazione volontaria, non essere sottoposti a procedure concorsuali, quali fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, amministrazione controllata o straordinaria e non destinatarie di sanzioni interdittive;
  • abbiano un’unità locale presente sul territorio regionale, presso la quale viene realizzato l’intervento, indipendentemente da dove sia ubicata la sede legale.
Nella definizione di “strutture ricettive turistiche”, si intendono:
  • strutture ricettive alberghiere, suddivisi in alberghi o hotel, motel, villaggi albergo, residenze turistico alberghiere o aparthotel o hotel residence, alberghi diffusi e country house - residenze rurali;
  • bed and breakfast;
  • unità abitative ammobiliate a uso turistico;
  • affittacamere;
  • strutture ricettive all'aria aperta;
  • strutture ricettive a carattere sociale;
  • rifugi alpini, rifugi escursionistici e bivacchi
Sono finanziabili le spese connesse a investimenti per:

a) lavori di ampliamento, di ristrutturazione, di ammodernamento e di straordinaria manutenzione di strutture ricettive turistiche esistenti;
b) lavori di nuova costruzione, di ristrutturazione e di straordinaria manutenzione di edifici da destinare all’esercizio di struttura ricettiva turistica;
c) l’acquisto di arredi e attrezzature nuovi di fabbrica;
d) realizzazione di parcheggi con almeno tre posti auto, anche mediante l’acquisto di immobili, a servizio delle strutture ricettive alberghiere.

Sono ammissibili a contribuzione le spese:
  • di esecuzione dei lavori;
  • generali e di collaudo;
  • di trasporto e montaggio, se relative all’iniziativa di cui alla lettera c);
  • di acquisto degli immobili, inclusi i terreni, se relative all’iniziativa di cui alla lettera d);
  • connesse all’attività di certificazione della spesa (max 1.000 euro).
Non rientrano tra le spese ammissibili imposte e tasse e gli oneri notarili.
I beni in acquisto devono essere nuovi di fabbrica. Sono altresì escluse le spese sostenute per l’acquisto di beni soggetti a facile usura, quali biancheria, stoviglie e materiali di consumo.

Si tratta di un contributo in conto capitale a fondo perso, nella misura massima del 50% della spesa ammissibile per le iniziative delle strutture ricettive alberghiere (40% in tutti gli altri casi), con limiti di spesa:
  • minima, di € 20.000,00 (€ 10.000,00 per le iniziative di cui alla lettera c));
  • massima, di € 400.000,00.
Le domande di contributo devono essere trasmesse esclusivamente per via telematica tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo di PEC del Centro di Assistenza Tecnica del Terziario (CATT) della Regione Friuli Venezia Giulia.

Le domande possono essere presentate fino alle ore 16.30 del giorno 16 giugno 2017.

Per tutti i dettagli e per il reperimento della modulistica:

http://www.cattfvg.it/index.php/it/contributi/legge-2
http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/economia-imprese/turismo/FOGLIA2/