Tab social
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
Icon_flickr
icon_mail
 
Intestazione

News

 
27/05/2016 Banca e Territorio
Credito Cooperativo: Con la riforma, BCC più forti in Italia e in Europa
Intervista del ministro dell'Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan

PadoanIl ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan ha riaffermato i punti   chiave della recente riforma delle Banche di Credito Cooperativo, il significato profondo della riforma stessa e le prospettive che adesso si aprono per la cooperazione italiana di credito.

Il Ministro sottolinea come la riforma stessa sia «il risultato di un costante e proficuo confronto del Credito Cooperativo con il Governo e con la Banca d’Italia. La riforma costituisce uno dei tasselli del più ampio disegno di ristrutturazione e consolidamento del sistema bancario italiano, portato avanti dal Governo affinché le banche tornino a finanziare adeguatamente l’economia reale».

«Sono convinto – aggiunge il Ministro – che tale riforma possa fornire un reale contributo alla ripresa dell’economia del nostro Paese, in quanto offre alle BCC gli strumenti necessari per rafforzarsi e affrontare in modo adeguato l’elevata concorrenza e le nuove sfide che derivano dall’Unione Bancaria, preservando le specificità mutualistiche del Credito Cooperativo a beneficio dei territori di riferimento».

In merito alla costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo, per Padoan si può essere soddisfatti del nuovo modello italiano di aggregazione delle BCC in quanto si tratta di un modello volto a trovare un punto di equilibrio tra integrazione e  autonomia delle singole BCC.

«Siamo fiduciosi – ha aggiunto il ministro – che tale modello possa attirare l’attenzione di investitori di lungo periodo, ad esempio altre grandi banche cooperative europee, fondi mutualistici ed altri soggetti del mondo cooperativo, enti non profit espressione dei territori di riferimento».

Auspicando un rapido percorso verso la concreta attuazione della riforma («L’urgenza di agire è determinata dalle conseguenze della crisi economico finanziaria, dalla profonda revisione dell’architettura della regolamentazione, della supervisione e dalla risoluzione delle banche che ha portato all’Unione Bancaria»), Padoan ha aggiunto che questo percorso di integrazione, preservando gli importanti valori della cooperazione a sostegno dei territori e delle comunità locali, debba consentire «di mantenere le condizioni di sana e prudente gestione e superare gli ostacoli alla raccolta di capitali sul mercato».

A questo proposito, «l’appartenenza ad un gruppo permette agli intermediari di usufruire di economia di scala e di potenziare l’offerta di prodotti e servizi a beneficio di tutta la clientela; più il gruppo o i gruppi saranno ampi e patrimonializzati, maggiore sarà la loro competitività anche a livello europeo».

«Le Banche di Credito Cooperativo – conclude il Ministro - rappresentano un segmento importante del settore creditizio in quanto, pur detenendo una quota di mercato limitata, svolgono un ruolo fondamentale nel sostegno dell’economia locale».